Politica dei dati

Autodeterminazione digitale

Promozione di data room affidabili e dell'autodeterminazione digitale

In Svizzera il potenziale in materia di dati va sfruttato meglio. A tal fine occorrono nuove strategie sull'utilizzo dei dati che rafforzino il controllo sui propri dati e dunque l'autodeterminazione digitale. Il 30 marzo 2022 il Consiglio federale ha pertanto varato diverse misure per promuovere in Svizzera e all'estero data room affidabili e l'autodeterminazione digitale.

Sulla base del rapporto "Schaffung von vertrauenswürdigen Datenräumen basierend auf der digitalen Selbstbestimmung" (creazione di data room affidabili sulla base dell'autodeterminazione digitale), il Consiglio federale ha incaricato il DFAE e il DATEC di attuare diverse misure. Entro giugno 2023 sarà elaborato un codice di condotta su base volontaria per l'esercizio di data room affidabili che vedrà coinvolti tutti gli attori rilevanti. Inoltre, il Consiglio federale intende rafforzare l'interoperabilità tra i data room, ad esempio nell'ambito della mobilità e dell'energia. Viene in aggiunta chiarito se la Svizzera necessiti di un punto di contatto nazionale per i data room.

A livello internazionale la Svizzera promuoverà la visione di data room affidabili e parteciperà, come per il codice di condotta a livello nazionale, all'elaborazione di linee guida internazionali.

Sfruttare il potenziale in materia di dati

Il rapporto spiega che oggi il potenziale a livello di utilizzo dei dati non è del tutto sfruttato per vari motivi. Innanzitutto i dati sono sempre più concentrati presso grandi attori, che li usano prevalentemente per i loro scopi. In secondo luogo, si osservano diversi ostacoli nell'uso dei dati da parte dei fornitori di prestazioni pubblici e privati (ad es. mancanza di Know-How, risorse insufficienti, timori di svantaggi competitivi). Terzo, una fascia sempre più ampia della popolazione è diffidente quanto all'uso che viene fatto dei dati. Teme infatti gli abusi e la perdita di riservatezza, ma anche le scarse possibilità decisionali, oppure non è motivata a condividere i dati ai fini di un uso comune.

Il rapporto identifica la creazione di data room affidabili come un approccio promettente per realizzare l'autodeterminazione digitale. Questa nuova strategia per l'uso dei dati consente di migliorare l'accesso agli stessi e al contempo di rafforzare il controllo sui propri dati.

I flussi di dati sono prevalentemente transnazionali. Per questo è importante creare data room affidabili e compatibili a livello internazionale. Più a lungo termine, occorre mirare a linee guida internazionali su data room affidabili, così da favorire la certezza del diritto anche a livello sovrannazionale.

I data room collegano direttamente i vari utenti con le offerte rilevanti e ne disciplinano i processi essenziali quali l'accesso, il trattamento e l'ulteriore uso dei dati. Consentono così a individui, imprese e altre organizzazioni di avere un migliore accesso ai dati e di collegarsi a nuove fonti di dati. Nell'ambito della mobilità, ad esempio, l'infrastruttura nazionale di dati sulla mobilità (NaDIM) permette la creazione di un data room grazie al quale i fornitori del settore possono scambiarsi dati per migliorare le offerte e strutturare in modo più semplice ed efficiente l'accesso alla mobilità per i viaggiatori.

I data room affidabili sono caratterizzati dal fatto che gli utenti possono mettere a disposizione i loro dati in base alla propria volontà e con il controllo necessario. Per la creazione di data room di questo genere occorrono principi vincolanti quali trasparenza, controllo, equità, responsabilità ed efficienza.

Rete Autodeterminazione digitale

Al fine di ottenere un ampio consenso, l'elaborazione di questo codice di condotta deve essere coordinata dalla Confederazione e avvenire con la partecipazione della Rete nazionale per l'autodeterminazione digitale (réseau national pour l'autodétermination numérique), nel quadro di un processo comune ai vari gruppi d'interesse e a tutti gli attori implicati.

Il tutto è stato creato nel 2019 per incoraggiare la cooperazione fra tutte le parti interessate allo scopo di consentire ai cittadini, alle imprese e alle istituzioni pubbliche di utilizzare l'economia dei dati sulla base dei valori democratici liberali fondamentali.

Contatti

Per qualsiasi domanda o contributo relativo alla rete di autodeterminazione digitale, e per segnalare/comunicare il vostro interesse a contribuire ai lavori della rete e all'elaborazione del codice di condotta, potete rivolgervi a (modulo di contatto)


Ultima modifica 24.05.2022

Inizio pagina

https://www.bakom.admin.ch/content/bakom/it/pagina-iniziale/digitale-e-internet/big-data.html