Servizi a banda larga

L'indice dei prezzi dei servizi a banda larga per il profilo di consumo medio (prodotti più convenienti con velocità in download uguali o superiori a 25 Mbit/s) è diminuito del 3,3 per cento rispetto all'anno precedente. La velocità media dei prodotti selezionati per un consumo medio raggiunge i 44 Mbit/s.

Un’evoluzione che varia a seconda dei profili utente

Tra il 2017 e il 2018, i costi sostenuti da un utente con un profilo di consumo medio per i servizi a banda larga sono diminuiti del 3,3 per cento. Sono scesi anche i costi per gli utenti con un profilo di consumo elevato (-3,4%). Questi cali sono essenzialmente dovuti alla diminuzione dei prezzi da parte degli operatori della rete via cavo che riproducono ormai i livelli delle tariffe proposte dai loro concorrenti principali attivi sul mercato e che offrono la tecnologia DSL. Gli utenti con consumo ridotto vedono invece aumentare la propria fattura (+0,8%) a causa dell'aumento, da parte dei cabloperatori, dei prezzi dei collegamenti degli abbonati. Si constata che globalmente le velocità sono piuttosto aumentate nel 2018.

Differenze tra i fornitori

Come nel 2017, l'anno 2018 è caratterizzato da differenze di prezzo tra i fornitori e, soprattutto, tra chi utilizza tecnologie di accesso diverse. In generale, a pari velocità, gli operatori della rete via cavo offrono prodotti più convenienti, ma queste differenze si stanno riducendo da qualche anno. Sunrise propone l'offerta più conveniente del segmento DSL per velocità superiori o uguali a 25 Mbit/s. Comparando i prezzi dei fornitori dominanti (ad es. Swisscom e UPC) con ciascun segmento (CATV e DSL) per un profilo di consumo medio, nel 2018, si rileva una differenza di un franco a svantaggio di Swisscom.

Diminuzione dell'indice di prezzo per un Mbit/s

La combinazione tra l'aumento della velocità e il calo dei prezzi provoca una diminuzione dell'indice dei prezzi normalizzati a 1 Mbit/s per gli utenti con un profilo di consumo ridotto e medio. Per il consumo medio, l'indice cala del 5,3 per cento rispetto all'anno precedente. Bisogna considerare che tutti i fornitori propongono ormai prodotti con velocità di download pari a 100 Mbit/s o superiori. Alcuni fornitori offrono perfino delle velocità di download fino a 1 Gbit/s se la fibra ottica è disponibile fin dentro le abitazioni e nei locali commerciali.

Indice di prezzo in base ai profili di consumo, 100 = periodo 2015, fonte UFCOM
Anno Consumo ridotto Consumo medio Consumo elevato

2001

 

 263.2

 

2002

 

 229.3

 

2003

 

 229.8

 

2004

 

 160.0

 

2005

 

 160.0

 

2006

 

 160.2

 

2007

 

 161.0

 

2008

 

 154.9

 

2009

 

 146.6

 

2010

 183.3

 146.7

 128.1

2011

 183.1

 138.9

 126.0

2012

 153.0

 140.6

 126.1

2013

 144.5

 141.6

 128.5

2014

 133.5

 115.6

 102.7

2015

 100.0

 100.0

 100.0

2016

 113.0

 96.0

 92.0

2017

 130.2

 75.0

 81.2

2018  135.4  74.2  78.4 
https://www.bakom.admin.ch/content/bakom/it/pagina-iniziale/telecomunicazione/fatti-cifre/osservatorio-statistico/prezzo/servizi-a-banda-larga.html