Come reagire in caso di preselezione indesiderata o abusiva?

Potete verificare ad ogni momento lo stato della preselezione del vostro collegamento chiamando il numero gratuito 0868 868 868.

Termine di revoca

Se avete stipulato il contratto di preselezione al telefono e se durante la durata minima del contratto le prestazioni complessive oltrepassavano i 100 franchi, potete revocarlo indipendentemente dalla sua forma, entro 14 giorni. A meno che non abbiate voi stessi promosso le trattative. Considerato che in caso di litigio dovete poter dimostrare di aver revocato il contratto entro il termine prescritto, vi consigliamo di inviare una revoca per iscritto, tramite lettera raccomandata. Il termine di revoca di 14 giorni inizia dal momento in cui il contratto è concluso e il fornitore vi ha informati −per scritto o in un’altra forma che permetta di averne una traccia per iscritto − sul diritto di revoca e sulla forma e il termine per esercitarlo.

Per evitare eventuali interruzioni del servizio telefonico, vi invitiamo a richiedere contemporaneamente un servizio di preselezione presso il vostro attuale fornitore o un altro di vostra scelta. In caso di controversie in merito alla revoca del contratto, potete rivolgervi alla fondazione ombudscom, l'organo di conciliazione per le telecomunicazioni, o alle autorità giudiziarie competenti (organo di conciliazione o tribunale civile competente).

Preselezione abusiva

Se ritenete di non aver stipulato alcun contratto di preselezione, oppure una volta scaduto il termine di revoca, vi consigliamo di procedere come indicato qui di seguito:

  • verificare di non aver concluso un contratto senza saperlo e che questo contratto non vi leghi a un nuovo operatore per una durata determinata;
  • domandare per iscritto al fornitore di servizi di telecomunicazione in questione che vi faccia pervenire entro un termine di 10 giorni lavorativi la prova della vostra richiesta di preselezione (copia scritta del contratto, registrazione della domanda di preselezione e della conversazione in caso di vendita telefonica).
  • Se il fornitore non è in grado di presentare questa prova entro 10 giorni lavorativi, dovrà fare quanto necessario per ripristinare lo stato di preselezione iniziale del collegamento in questione. Se non lo fa, potete comunicarlo per iscritto all'UFCOM affinché possa valutare la possibilità di avviare una procedura legale di sorveglianza contro il fornitore in questione.
  • Se ritenete che la prova fornita sia valida, potete comunque revocare il contratto per iscritto e per lettera raccomandata, prestando tuttavia attenzione al termine di disdetta. Potete eventualmente contestare il contratto anche per causa di errore o dolo intenzionale. Non dimenticate di inoltrare una nuova domanda di preselezione presso il fornitore di vostra scelta, anche se si tratta di Swisscom. In caso contrario rischiate di non avere più nessun collegamento telefonico alla scadenza del contratto di preselezione che avete appena revocato o contestato. 
  • Se la prova fornita non vi soddisfa, potete rivolgervi alla fondazione ombudscom, l'organo di conciliazione per le telecomunicazioni che può aiutarvi a comporre la controversia con il fornitore senza ricorrere alle vie legali.
  • Potete anche adire le istanze civili o penali e i tribunali del vostro luogo di domicilio o presso la sede del fornitore. Vale lo stesso per quanto riguarda le eventuali violazioni delle disposizioni della legge sulla concorrenza sleale (marketing abusivo, pubblicità menzognera, ecc.). Chiedete consiglio a un servizio giuridico.
https://www.bakom.admin.ch/content/bakom/it/pagina-iniziale/telecomunicazione/informazioni-pratiche/preselezione/come-reagire-in-caso-di-preselezione-abusiva.html