In evidenza

Nuovo canone radiotelevisivo

Nuovo canone radiotelevisivo

In linea di massima, tutte le economie domestiche di tipo privato, le collettività e le imprese svizzere pagano il canone radiotelevisivo. L'obbligo di pagare il canone non dipende più dalla disponibilità di apparecchi che consentono la ricezione di programmi radiofonici o televisivi (radio, televisore, smartphone, tablet o computer con accesso a Internet).

IVA e canone di ricezione

BG-Entscheid-18-11-2

IVA e canone di ricezione: stato attuale

In quattro casi tipo, il 2 novembre 2018, il Tribunale federale ha sancito la restituzione dell'IVA riscossa dal 2010 al 2015 sul canone di ricezione radiotelevisivo. A seguito di queste sentenze il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) propone che la Confederazione restituisca l'imposta sul valore aggiunto a tutte le economie domestiche.

Svizzera digitale

*

Svizzera digitale

La digitalizzazione plasma sempre più la nostra vita. Per un Paese povero di risorse naturali come la Svizzera è importante, per il benessere di tutti, sfruttare al meglio le opportunità che la trasformazione digitale crea per la società e l'economia.

L'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) è responsabile delle telecomunicazioni, dei media e del settore postale e della società dell'informazione in Svizzera. Garantisce un'infrastruttura di comunicazione stabile e all'avanguardia, crea le basi per una piazza mediatica svizzera forte e coordina l'attuazione della strategia "Svizzera digitale". L'Ufficio prepara le decisioni del Governo svizzero (Consiglio federale), del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) e della Commissione federale delle comunicazioni (ComCom). Esso svolge altresì un'importante attività all'estero.


*

UFCOM Infomailing 49

Edizione del 19.12.2018: Fatturazione del nuovo canone radiotelevisivo da gennaio 2019: ecco come funzionerà - Un dialogo aperto e costruttivo sulle questioni legate alla digitalizzazione - L'UFCOM contribuisce a sviluppare l'industria svizzera - Nuova carta sinottica delle zone d'intervento delle centrali d'allarme - L'Unione Postale Universale in piena riforma

 
Thumbnail Bitte nicht stören

Non disturbare

Internet e negozi all'estero sono pieni di offerte attraenti per i dispositivi senza filo (droni, giocattoli telecomandati, apparecchi radio, ripetitori, ...). Tutti utilizzano frequenze per comunicare tra loro o con la loro base. Se vengono operati su frequenze che non sono loro assegnate, possono causare disturbi. Prima di un acquisto, guardate il video dell'UFCOM, troverete i punti su cui prestare attenzione.

*

Futura legge sui media elettronici

A causa dell'evoluzione tecnologica ed economica e delle mutate abitudini di fruizione dei mezzi di comunicazione, a medio termine la legge sulla radiotelevisione dovrà essere sostituita da una nuova legge sui media elettronici.

5G

Comunicazione mobile: evoluzione verso il 5G

Ogni anno, la quantità di dati trasferiti sulla rete mobile raddoppia. L'introduzione della terza generazione 3G (UMTS) a metà degli anni 2000, poi avvento della quarta generazione 4G (LTE) dal 2012 hanno finora consentito di soddisfare le esigenze. Oggi, però, queste tecnologie stanno raggiungendo i propri limiti. Con l'introduzione del 5G sarà possibile aumentare notevolmente le capacità a livello della trasmissione dati.

Twitter

Comunicati stampa

Tutti

Per visualizzare i comunicati stampa è necessaria Java Script. Se non si desidera o può attivare Java Script può utilizzare il link sottostante con possibilità di andare alla pagina del portale informativo dell’amministrazione federale e là per leggere i messaggi.

Portale informativo dell’amministrazione federale

Accesso rapido

Altri siti dell'UFCOM



https://www.bakom.admin.ch/content/bakom/it/pagina-iniziale.html