Piano d'azione nazionale per la sicurezza dei professionisti dei media in Svizzera

In stretta collaborazione con il settore dei media, l'UFCOM sta elaborando un piano d'azione nazionale (PAN) per la sicurezza dei professionisti dei media in Svizzera. Le misure sono orientate in quattro direzioni: Protezione contro le minacce e i discorsi di odio online, protezione fisica, ad esempio durante le manifestazioni, protezione contro le azioni giudiziarie abusive e un migliore riconoscimento del ruolo e della professione dei giornalisti.

Anche in Svizzera i professionisti dei media subiscono minacce e violenze. La pandemia di coronavirus ha peggiorato la situazione. Soprattutto nello spazio digitale, molti professionisti dei media devono far fronte a ostilità e persino a discorsi di odio. In conformità con una risoluzione del Consiglio d'Europa, l'UFCOM sta quindi elaborando un Piano d'azione nazionale (PAN) per la sicurezza dei professionisti dei media.

A seguito di un sondaggio online e dopo discussioni con i professionisti dei media, sono emerse le seguenti preoccupazioni chiave su cui il PAN intende concentrarsi:

  • Migliore riconoscimento del ruolo e della professione di giornalista
  • Migliore protezione contro le minacce e i discorsi di odio online (in cui sono particolarmente colpite le donne giornaliste)
  • Migliore protezione fisica, soprattutto durante le manifestazioni
  • Migliore protezione contro le azioni legali abusive mosse nei confronti dei professionisti dei media (le cosidd. «Strategic Lawsuits against Public Participation», SLAPPs)

Le misure del piano d'azione saranno elaborate insieme all'industria dei media e poi attuate. L'UFCOM svolge un ruolo di supporto e di facilitazione. Inoltre, verranno ripresi i lavori già in corso. La pubblicazione del piano d'azione è prevista entro l'estate del 2023.

Valori chiave

  • Sicurezza: il PAN intende concentrarsi sull'integrità fisica e psichica dei professionisti dei media nello spazio analogico e digitale, come previsto dalla risoluzione del Consiglio d'Europa sulla sicurezza dei professionisti dei media. Temi più ampi, come le condizioni di lavoro dei professionisti dei media, non rientrano nel PAN.
  • Professionisti dei media: il PAN si rivolge alle persone che lavorano in ambito giornalistico per la stampa, la radiotelevisione o i media online al fine di fornire e classificare informazioni per il pubblico. Secondo questa definizione, anche i blogger possono essere considerati professionisti dei media a seconda delle loro attività, ma non gli influencer.
  • Formato: il PAN avrà carattere di raccomandazione e non sarà giuridicamente vincolante. Sarà sotto la responsabilità del DATEC (consigliera federale Simonetta Sommaruga).

Per ulteriori informazioni e suggerimenti, contattare il team di progetto dell'UFCOM: nap@bakom.admin.ch

Ulteriori informazioni:

  • Sondaggio online del febbraio 2022 sulla sicurezza dei professionisti dei media in Svizzera (PDF qui sotto)
  • Risoluzione del Consiglio d'Europa sulla sicurezza dei professionisti dei media del giugno 2021
https://www.bakom.admin.ch/content/bakom/it/pagina-iniziale/media-elettronici/politica-dei-media/nationaleraktionsplan.html