Vendute quasi 4.2 milioni di radio DAB+ – L'ascolto OUC cala al 18 percento

Alla fine del 2018 la vendita complessiva di radio DAB+ in Svizzera ha raggiunto i quattro milioni. Ora due terzi di tutti gli abitanti della Svizzera ricevono i loro programmi radiofonici in digitale mentre soltanto il 18 percento della popolazione ascolta la radio unicamente via OUC. Secondo gli studi a disposizione dell'UFCOM, l'anno scorso è fortemente aumentata anche la percentuale delle vetture dotate di radio DAB+.  

La radio digitale continua a guadagnare terreno: secondo le cifre semestrali rilevate dall'istituto di ricerca GfK su incarico dell'UFCOM e del gruppo di lavoro "Migrazione digitale" (LG DigiMig), su 100 minuti di ascolto radiofonico giornalieri, gli abitanti della Svizzera captano in media 64 minuti in modalità digitale. Il 33 per cento va ascritto al DAB+ e il 31 per cento a Internet e alle reti televisive via cavo o IP. Nonostante la tendenza al ribasso, l'ascolto analogico via OUC continua ad essere il più diffuso (36 %); tuttavia la quota di coloro che nel 2018 ascoltavano la radio esclusivamente via OUC è scesa al 18 per cento, mentre era del 24 per cento l'anno precedente.

Nel 2018 sono state vendute 286'200 radio DAB+. Inoltre si aggiungono circa 303 000 radio DAB+ già installate in serie nelle auto o incorporate in un secondo tempo. Secondo i rilevamenti semestrali effettuati da GfK, considerando quasi tutti i negozi di elettronica, finora sono state vendute complessivamente 4'190'455 di radio DAB+.

La Svizzera soddisfa già la nuova regolamentazione UE

Stando alle indagini dell'UFCOM, anche nel 2018 è fortemente aumentata la percentuale di nuove auto con radio DAB+ di serie, raggiungendo il 91 per cento, rispetto all'85 percento dell'anno precedente. In Svizzera è pertanto già quasi soddisfatta la condizione che sarà in vigore nell'Unione europea a partire dalla fine del 2020, secondo cui ogni veicolo deve essere in grado di captare il DAB+. Il fatto che in Svizzera circolano sempre più auto dotate dello standard DAB+ si riflette in modo ancora più marcato nei dati sull'ascolto. Nell'autunno 2018, su 100 minuti di ascolto radiofonico in auto, 40 sono già stati captati via DAB+, il che corrisponde al doppio della quota DAB+ di tre anni fa.

Entro il 2024 al più tardi, il settore radiofonico prevede di abbandonare progressivamente la diffusione radio analogica via OUC e di passare al DAB+ quale tecnica di diffusione principale. Per accompagnare questo passaggio, nel 2017 l'UFCOM ha lanciato una campagna informativa: dal 2017 sono in corso diverse campagne informative alla radio, in televisione, nella stampa e tramite manifesti. Ulteriori informazioni su "la Radio si trasferisce" sono disponibili sul sito DABPlus.

https://www.bakom.admin.ch/content/bakom/it/pagina-iniziale/media-elettronici/tecnologia/diffusione-digitale/digimig.html